Page images
PDF
EPUB
[ocr errors][ocr errors][ocr errors]

ALLA

INCLITA E NOBILE SIGNORA.

LA CONTESSA DI LONSDALE,

DI OGNI PREGIO ORNATA,

E NELLE ITALIANE LETTERE

VERSATISSIMA,

QUESTO PRIMO VOLUME

DELLA

DIVINA COMMEDIA

DI

DANTE

ROMUALDO ZOTTI

DEVOTAMENTE

DEDICA.

AGLI ERUDITI E CORTESI LETTORI.

R. Z.

Ivi

VERSI furon sempre i primi figli del genio. Dante fu il padre della nostra poesia. Chiamatelo epico, comico, tragico, filosofo, leologo, astronomo, storico, egli è originale,

Primo pittor delle memorie antiche. Chi non gusta Dante è privo d'anima e d’immaginativa; o non l'intende, o non vuol in. tenderlo. Egli ha le sue oscurità, le sue pause, i suoi sonni, colpa in gran parte della lingua ancor balba.

Per quanto eccellente sia un Autore di qualsivoglia opera dell'arte, non avviene mai che tal volta non possa essere accusato di qualche difetto. Lungi però dall' imitare; quei pedanti che tutt' intenti a scoprire in uno Scrittore qualunque i nei, donde vanno le sue Opere lievemente macchiate, mai non si fer

ii

mano ad esaminare ciò che si può dire di perfetto, non tralascerò qui di avvertire quelle inesattezze o vere mancanze che talvolta s'incontrano in leggendo la divina Commedia: poichè introducendo Dante nei suoi versi tutto lo scibile da lui abbracciato, manifestó con soverchia frequenza l'astratto e lo scientifico, che inclina sovente ad esser ridotto ai fantasmi; e per mancanza di scelta si mostrò tavolta tanto improprio ne' suoi concetti, quanto era di fecondo ingegno dotato. Ab, bondò egli più di genio che inventa con diffu. sione, che di gusto che sceglie con isquisitezza.

Troppo ci sarebbe a dilungarsi nel dare un pieno giudizio di questo Autore; e che mai potrebbesi qui dire che non sia stato già detto mille volte da mille altri. Nella di lui vita da me qui appresso aggiunta, e tratta da quella scritta dal Tiraboschi se ne legga il di lui parere su tutte le opere di Dante, e particolarmente sulla Divina Commedia.

Discendendo ora a parlare di quello che specialmente risguarda questa mia edizione, avvertirò primieramente circa il testo, d'aver

« PreviousContinue »