Page images
PDF
EPUB
[merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small]

Membro della Grande Accademia Italiana e di altre Accademie di Europa;

autore di varie Opere in prosa ed in verso.

[ocr errors][merged small][ocr errors]

LONDRA:
TREUTTEL E WÜRTZ, TREUTTEL figlio, E RICHTER,

30, SOHO SQUARE.

1822.

|

DELL' ISTORIA

CIVILE E LETTERARIA

DI DANTE ALIGHIERI

PARTE PRIMA.

CAPO I.

NOTIZIE SULLA SUA VITA SPECIALMENTE CIVILE.

Fu essa,

NACQUE Dante Alighieri in Firenze, nel 1265, d'un’ antica famiglia, ricca e stimata anzi che no. come del partito de' Guelfi, scacciata due volte dalla sua patria nei guai di civil guerra che i papi e gli imperatori vi fomentavano di continuo. Ricevette egli nascendo il nome di Durante : si abituarono nella sua infanzia, giusta il comune vezzo Toscano, a chiamarlo invece col picciolo nome di Dante, il quale gli è poscia rimasto. Pretese l' astrologia d'avergli, in nascendo, formato l'oroscopo della sua gloria, e si crede altresì, , che la madre sua ne fosse stata avvertita da un sogno. Lo stesso si è detto per avventura di più grandi uomini nati ne' secoli superstiziosi. E' pare che i loro contemporanei, forzati a riconoscere in essi una superiorità che gli umilia, sen consolino ravvolgendoli tra prodigj, e traendoli fuori quasi per privilegio dal corso ordinario della natura.

Dante era ancora fanciullo quando rimase privo del genitore. La sua madre, per nome Bella, ebbe la più gran cura della sua educazione. Fugli dato a maestro negli studj Brunetto Latini, dopo che questo poeta filosofo ritornò dal viaggio di Francia.

Fec' egli de' progressi rapidi nella grammatica, nella filosofia, nella teologia, e nelle politiche scienze, in cui Brunetto si distinguea soprammodo; quanto alle belle lettere ed alla poesia, non vi ebbe a primo maestro che sè medesimo. Ei si formò nello scrivere un assai bel carattere, studio che le genti di lettere, nè è ciò una virtù, troppo spesso trascurano, e coltivò le belle arti nella sua giovinezza, in ispecie la musica e il disegno, di cui sembrerebbe che il gusto esser dovesse più comune ai poeti, perciocchè la poesia è altresì una musica ed una pittura.

[ocr errors][merged small][merged small][ocr errors]

Amore dettógli i suoi primi versi; ed in questo ei rassomiglia di più alla maggior parte degli altri poeti. Nell'età di 9 anni erasi egli incontrato a vedere in una festa di famiglia una giovine donzella della medesima età, figliuola di Folco Portinari, che i suoi parenti chiamavano Bice, diminutivo del nome Beatrice, ch' ei ripetè poscia sì spesso e nelle prose e ne' versi. Rimase tocco per lei d' una di quelle inclinazioni d'in

1

fanzia che l' abitudine di vedersi cangia soventi volte in passioni. Ha egli descritto in una delle sue opere, ed in parecchie poesie, le commozioni d'animo ed i piccioli avvenimenti di quel primo amore.

Una morte immatura glien tolse l'oggetto. Non avevano entrambi che 25 anni quando Beatrice inorì. Dante non obliolla giammai, e le ha innalzato nel suo gran poema un monumento che le età non potranno distruggere.

Dividesi adunque la sua giovinezza interamente tralle cure dell'amor suo e gli studj seriosi, addolciti dalla coltura delle arti. Il suo temperamento inclinato alla malinconia gli facea soprattutto desiderare la musica; e se egli ebbe dei legami d'amicizia con Guido Cavalcanti ed altri poeti del suo tempo, col celebre Giotto ed altri pittori pei quali cominciò l'arte a fiorire, n'ebbe altresì col musico Casella e con tutti coloro ch'erano in Fiorenza armonici esperti, compiacendosi d' udirli e di cantare o sonare con essi.

Siffatte occupazioni e siffatti piaceri non lo stornarono mai dal primo dovere imposto ad ogni cittadino d'una repubblica, quello cioè di servire la patria. Si fece inscrivere, ancor giovinetto, sul registro d' una delle arti o de' mestieri, fra cui le Fiorentine leggi esigevano che si dividessero i cittadini che aspiravano di poter essere ammessi ai pubblici impieghi. Tolse egli le armi in una spedizione che fecero i Guelfi di Firenze contra i Ghibellini d'Arezzo, e si distinse nelle

« PreviousContinue »