Page images
PDF
EPUB

Colei, più ch'altri, al rio malor già sacra,
Ferve al mirar, nè si può mai far paga;
Troppo toccanla insiem fanciullo e doni.
Com'ei mischiò col falso padre amplessi,
Dal suo collo pendè, n'empiè gli affetti;
Ecco a lei vola. Ella v* affisa i lumi,
V"immerge il cuor, spesso l'ha in grembo, ignara
Qual vi accolga fier dio. Ma quei rammenta
L'Idalia madre, e a gradi cerca ogn'orma
Tor di Sichéo, d'estro avvivar travolto
L'alma d' ozio satolla e il cuor divezzo.
Dato al pasto il posar, tolte le mense,
Seggio dassi a'grand' orci, e ai vin. corona.
Strepe il palagio, e alto pe'vasti ruota
Atrj il fragor: dall'auree volte accesi
Pendon doppier, vincon la notte i torchi.
Quì fe' Dido venir d' or grave e gemme,
E a'vin colmò, tazza, cui Belo e i scesi
Da Belo usar. Nacque silenzio: ed Ella:
Giove ospital, che d'amistà dai leggi,
E a'Tirj e a' Troj questo bel di fa lieto ;
Fa ch'ogni età l'oda ne' fasti: e Bacco
Dator di gioja, e l'alma Giuno arrida.
Tal lega or voi gaj celebrate, o Tirj.
Disse, e il licor liba sul desco; e pieno
L'onor, primiera a fior di labbra il tange.
Poi l'offre a Pizia in regal tuon: spumante
L'avvalla il baldo, e in lago d'or s'inonda.

[ocr errors]

Post, alii proceres. Cithara crinitus Iopas 740
Personat aurata docuit quae maacimus Atlas.
JHic canit errantem lunam, solisque labores;
Unde hominum genus et pecudes; unde imber et ignes;
~Arcturum, pluviasque Hyadas, geminosque Triones;
Quid tantum oceano properent se tingere soles
Hiberni, vel quae tardis mora noctibus obstet.
Ingeminant plausu Tyrii, Troësque sequuntur.
IVec non et vario noctem sermone trahebat
Infeliae Dido, longumque bibebat amorem,
Multa super Priamo rogitans, super Hectore multa:
INunc, quibus Aurorae venisset filius armis; 751
Nunc, quales Diomedis equi; nunc, quantus Achilles.
Immo age, et a prima dic, hospes, origine nobis
Insidias, inquit, Danaùm, casusque tuorum,
Erroresque tuos; nam te jam septima portat
Omnibus errantem terris et fluctibus aestas.

Gli altri Grandi il seguir. L'intonso Jopa
Sensi Atlantéi sull'aurea cetra intona.
Della luna gli error, del sol gli ecclissi;
Ond'ebber germe uomini e bruti; ond'acque
Dia l'etra e fuochi; e l'umid'Jadi e Arturo,
E ambo i Trioni; il brumal sol che tanto
S affiretti al mar, che allor le notti impacci.
Plaude il Tirio al cantor, gli echeggia il Teucro.
L' egra Dido la notte in varj anch'essa
Traea sermon, lunghi a riber gli amori.
Molte d'Ettör, molte del Re fa inchieste:
Or, quai Memnòn forze recasse ; or, s'acri
Di Tidide i corsieri; or, quanto Achille.
Anzi, o stranier, dal primo fil ci narra
L'arti, disse, de' Graj, de'tuoi le sorti,
Tuoi stessi error; chè già t'aggira in dorso
D'ogni mar d'ogni terra il settim'anno.

ViRGiL. Eneid. Tom. I. H!

= Æ VIE ID OS P. VIR GILII MA R O N IS

[ocr errors]

CoNTicvenr omnes, intentique ora tenebant,
Inde toro pater AEneas sic orsus ab alto:
Infandum, regina, jubes renovare dolorem;

Irojanas ut opes et lamentabile regnum
Eruerint Danai; quaeque ipse miserrima vidi,
Et quorum pars magna fui. Quis, talia fando,
Myrmidonum, Dolopumve, aut duri miles Ulyacei,
Temperet a lacrymis? Et jam noae humida caelo
Praecipitat, suadentque cadentia sidera somnos:
Sed, si tantus amor casus cognoscere nostros, io
Et breviter Trojae supremum audire laborem,
Quamquam animus meminisse horret, luctuque refugit,
'Incipiam. Fracti bello, fatisque repulsi,
Ductores Danaùm, tot jam labentibus annis,
I nstar montis equum, divina Palladis arte,
AEdificant, sectaque inteaeunt abiete costas.
Votum pro reditu simulant; ea fama vagatur.
Huc delecta virüm sortiti corpora furtim
lncludunt caeco lateri, penitusque cavernas
Ingentes, uterumque, armato milite complent. 2o

DELL ENEIDE DI P. VIRGILIO MARONE

LIBIR O SE C OINID O.

Tacean già tutti a fiso volto intenti;
S'alza Enea sulla sponda, e a dir s'accinge:
Rio duol, regina, a richiamar m'inviti;
Qual di Frigia i tesori e il flebil regno
Schiantaro i Greci; e i casi rei, ch'io vidi,
E onde gran parte io fui. Chi a ciglio asciutto
Fosse Dolopo, Acheo, guerrier d'Ulisse,
Ne potrfa ragionar? Poi già gran notte
Volge, e degli astri urge l'occaso al somno:
Rur, se aver conti i nostri guai tal brami,
E in scorcio udir l'urto di Troja estremo,
Henchè lutto m'ingombri, e orror m'arretri,
Dirò. De' Graj già per tant' anni i duci
Stanchi dall'armi, e dal destin repulsi,
D'intesti abeti un gran caval, qual monte,
Auspice Palla, edificaro. Un voto
Pel ritorno il mentfam; tal corse il grido.
Scelto a sorte drappel quì al cieco fianco
Chiuser dentro furtivi, e il ventre tutto,
Tutte l'ampie caverne empiér d'armati.

« PreviousContinue »