Page images
PDF
EPUB

Nè il proprio acciar squarci alla patria il petto.
Tu pria, tu cessa, alma del ciel propago:
Tu, sangue mio, getta di man quell'armi.
Quegli al Tarpéo, doma Corinto, insigne
Pe' rotti Achéi, bel guiderà trionfo.
Schianterà questi Argo e Micene, e anch'essa
La guerresca genfa d'Eaco e Pelide;
De' Frigii padri, e del Palladio, ultore.
Chi te, gran Cato, o un Cosso taccia, o i Gracchi?
Chi di' Libia i flagei, fulmin di guerra,
Duo Scipii? e il parco acre Fabrizio? o in solco
Te co' semi, o Serran? Dov' or me lasso
Rapite, o Fabii? Ah tu ci sei quel Massimo,
Quel sol, (he instauri indugiator lo 'mperio.
Fia ch'altri (il so) doni un più molle a bronzi
Spirar; più bei tragga dal marmo i volti;
Meglio armeggi da' rostri; e il ciel descriva
Col mobil raggio, apra degli astri il corso.
Bada, o Roman, queste per te fian l'arti;
Leggi a' popoli impor, librar le paci,
Rizzar giacenti, e debellar superbi.
Si dice Anchise; e a' stupefatti aggiunge:
Mira, qual vien d' opime spoglie onusto,
E ogn'altro avanza, il vincitor Marcello.
Fia ch'ei l'Impero in scossa ria sostenga;
Duce a corsier, Galli rubelli e Peni
Sperga; e a' Quirin l'armi anche terze appenda.

Quì chiede Enea (giacchè vedeagli ir presso
Wingil. Eneid. Tom. 1. X a;

Egregium forma juvenem et fulgentibus armis ;
Sed frons laeta parum, et dejecto lumina vultu : )
Quis, pater, ille virum qui sic comitatur euntem?
Filius? anne aliquis magna de stirpe nepotum?
Quistrepitus circa comitum! quantum instar in ipso est!
Sed noae atra caput tristi circumvolat umbra.
Tum pater Anchises lacrymis ingressus obortis:
O nate, ingentem luctum ne quaere tuorum;
Ostendent terris hunc tantùm fata, neque ultra
Esse sinent. Nimiùm vobis Romana propago 87o
Visa potens, Superi, propria haec si dona fuissent.
Quantos ille virum magnam Mayortis ad urbem
Campus aget gemitus! vel quae, Tiberine, videbis
Funera, quum tumulum praeterlabere recentem!
ANec puer Iliaca quisquam de gente Latinos
In tantum spe tollet avos; nec Romula quondam
Ullo se tantum tellus jactabit alumno.
Heu pietas! heu prisca fides! invictaque bello
Deaetera! non illi se quisquam impune tulisset
Obvius armato, seu quum pedes iret in hostem, 88o
Seu spumantis equi foderet calcaribus armos.
Heu! miserande puer, si qua fata aspera rumpas,
Tu Marcellus eris. Manibus date lilia plenis,
Purpureos spargam flores; animamque nepotis
His saltem accumulem donis, et fungar inani
Munere. Sic tota passim regione vagantur
Aëris in campis latis, atque omnia lustrant.
Quae postquam Anchises natum per singula duxit,
Garzon splendente e di beltade e d'armi;
Ma torbo in fronte, e i rai dimesso e il volto:)
Chi, o padre, è quei ch' appo l'eroe tal muove?
Figlio? o de' figli almo rampol? qual romba
Lo stuol ch'ei trae! quant' ei simil! ma il capo
Notte feral d' orrido vel gli avvolge.
Anchise allor molle di pianto: Ah!, figlio,
Perch'ami udir l'aspro de' tuoi gran lutto?
Sol fia costui mostro de' fati al mondo,
Nè oltre sarà. Troppa vi par di Roma
La possa, o Dei, s'abbia qual suo tal dono.
Quai fia che a' Marzii afflitti colli il Campo
Ruoti gemiti e lai! che inferie, o Tebbro,
Vedrai, novel surto il sepolcro al margo!
Nè altro gli avi Latini Iliaco germe
Farà tanto sperar; nè il suol Romano
Fia tanto altier d'altro augurato alunno.
Ahi la pietate! ahi l'alma fè ! la destra
Nell' armi invitta! ito del prode a fronte
Niun fora impune, o entrasse fante in lizza,
O a spumoso destrier spronasse il fianco.
Pover garzon! se il rio destin pur rompi,
Marcel tu fia. Deh! a piene man quâ gigli,
Quà giacinti, ch'io sparga; almen taI iì
Versi proavo a quell'alma, e previa sfoghi
Vana pietà. Scorron così gli aperti
Gram campi, e tutto aman spiar. Poich'ebbe
Quel Vecchio a Enea mostro ogni loco, e zelo

[ocr errors]

Incenditque animum famae venientis amore;
Exin bella viro memorat quae deinde gerenda, 890
Laurentesque docet populos, urbemque Latini,
Et quo quemque modo fugiatque feratque laborem.
Sunt geminae Somni portae; quarum altera fertur
Cornea, qua veris facilis datur ezitus umbris:
Altera candenti perfecta nitens elephanto,
Qua falsa ad caelum mittunt insomnia Manes.
His ibi tum natum Anchises unâque Sibyllam
Prosequitur dictis; portaque emittit eburna.
Ille viam secat ad naves, sociosque revisit.
Tum se ad Caietae recto fert littore portum:
4nchora de prora jacitur; stant littore puppes.

Per la postera fama in cuor gli accese;
Le guerre alfin da guerreggiar gli accenna,
Di Latin la città, l'ostil Laurente,
Qual singoli i gram casi o sfugga o vinca.
V'ha del Sonno due porte; è cornea l'una,
Che facil schiude all'ombre vere il varco:
L'altra d'Indico dente albeggia opaca, .
Che invia da' Mani i sogni falsi all'etra.
Chiude Anchise il suo dir; la vate e il figlio
Rimanda al ciel, l't scio lor apre eburno.
Tende il figlio alle navi, e i suoi rivede.
Salpa, e Cajeta a dritta costa ei prende:
La prua s'infrena; ecco le poppe al lido.

« PreviousContinue »