Page images
PDF
EPUB

Membruto Enea. L'annoso burchio al carco
Geme, e fa scoppi, e gran palude ingolla.
Pur guada e salvi alfin la veglia e il duce
Là in sozzo brago e in rancia sala espone.
Qul a trifauce latrar Cerbero introna, -
Steso a fronte in gran covo. A cui la vate,
Visti gli angui rizzarsi al collo attorti,
Gittò temprato a magich'erbe e a miele
Pastel che assonna: apre il digiun tre bocche,
Ratto lo ingozza, e sciolte poi le immense
Terga si sdraja, e tutto l'antro ingombra.
L'adito Enea, domo l'uscier, già investe,
E a quel s'invola irremeabil gorgo.
Voci alte e fioche, e un gran vagir già n'ode,
N'ode piagnenti al limitar gl'infanti;
Che ancor non nati o all'almo sen rapiti
Colse atro di, fato sommerse acerbo.
L'ostie d'Astrea per crime falso han presso.
Nè, i seggi a dar, sorte o censor qul manca.
L'urna Minosse arbitro muove: ei l'alme
Chiama, e le vite e ogni lor colpa indaga..
Mesto poi vien chi di sua man sè stesso
Non reo percosse, e oltre sdegnando il lume,
L'alma gettò. Quanto or vorrian fra vivi
Rii guai portar, ria povertà! de' fati
Osta il rigor; l'Acherontéa palude
Feral gl'infrena, e a nove cinghie Stige.
Di là non lunge in vasto cerchio intorno

Lugentes campi: sic illos nomine dicunt.
Hic quos durus amor crudeli tabe peredit
Secreti celant calles , et myrtea circum
Silya tegit; curae non ipsa in morte relinquunt.
His Phaedram Procrinq; locis, maestamque Eriphylen
Crudelis nati monstrantem vulnera, cernit,
Evadnenque, et Pasiphaën. His Laodamia
It comes; et juvenis quondam, nunc femina, Caenis,
Rursus et in veterem fato revoluta figuram.
Inter quas Phoenissa recens a vulnere Dido 45o
Errabat silva in magna: quam Troïus heror
Ut primùm juxta stetit, agnovitque per umbram
Obscuram, qualem primo qui surgere mense
Aut videt aut vidisse putat per nubila lunam,
Demisit lacrymas, dulcique affatus amore est:
Infeliae Dido, verus mihi nuntius ergo
J^enerat eaetinctam, ferroque eaetrema secutam!
Funeris, heu! tibi caussa fui! Per sidera juro,
Per superos, et si qua fides tellure sub ima est,
Invitus, regina, tuo de littore cessi. 46o
Sed ine jussa deüm, quae nunc has ire per umbras,
Per loca senta situ cogunt, noctemque profundam,
Imperiis egére suis; nec credere quivi
Hunc tantum tibi me discessu ferre dolorem.
Siste gradum, teque adspectu ne subtrahe nostro.
Quem fugis? extremum fato quod te alloquor hoc est.
Talibus AEneas ardentem et torva tuentem
Lenibat dictis animum, lacrymasque ciebat.

Stendonsi i campi, che dal Lutto han nome.
Quei, ch'aspro amor col rio venen consunse
Tra vie romite ampio mirteto ascosti
Qui tien; non cessa il tabid'estro in morte.
Qui Fedra e Procri, e colle piaghe in vista
Che il figlio apri, l'egra Erifile apparve,
Qui Pasifae, qui Evadne. Anch' essa in branco
Sta Laodamia, sta la già maschio or donna,
Ceneo, cui rese al natio sesso il fato.
Tra lor sen gìa per la gran selva errando
Fresca Didon dal fatal colpo: appena
Presso le avvenne, e l'avvisò tra l'ombra
Il Frigio Eroe, qual chi tra nubi o scorge,
O scorger crede, a'primi dì la luna,
Sciolse in lagrime il ciglio, e dolce disse:
Dido infelice, è dunque ver, che spenta
T'avea tuo fato, e (come udii) tuo brando !
Ah! tu il fosti per me! Per gli astri il giuro,
Pe' dii superni, e (s'ottien fe') per l'orco,
Donna, a mal cuor dal lido vostro io sciolsi.
Ma il gran voler, ch'or mi fa gir per l'ombre, \ .
Per l'eterno squallor, per l'alta notte,
L'imperò, mi sforzò; nè in cuor mi nacque
Che il mio partir duol ti daría si crudo.
Ferma, e chi fuggi? ah non lasciarmi ancora.
Questo per fato è il mio colloquio estremo.
Si, lei ritrosa e a torvi guardi ardente
Blandisce Enea, misti al plorar gli accenti.

Illa solo fiaeos oculos aversa tenebat;
Vec magis incepto vultum sermone movetur, 47o
Quam si dura sileac aut stet Marpesia cautes.
Tandem corripuit sese, atque inimica refugit
In nemus umbriferum, conjuae ubi pristinus illi
Respondet curis, aequatque Sychaeus amorem.
Nec minùs AEneas casu percussus iniquo,
Prosequitur lacrymans longe, et miseratur euntem.
Inde datum molitur iter: jamque arva tenebant
Ultima, quae bello clari secreta frequentant.
Hic illi occurrit Tydeus, hic inclytus armis
Parthenopaeus, et Adrasti pallentis imago. 48o
Hic multùm fleti ad superos, belloque caduci,
Dardanidae; quos ille omnes longo ordine cernens,
Ingemuit;Glaucumque, Medontaque, Thersilochumque,
Tres Antenoridas, Cererique sacrum Polyphoeten ,
Idaeumque etiam currus, etiam arma, tenentem.
Circumstant animae deaetra laevaque frequentes.
IVec vidisse semel satis est: juvat usque morari,
Et conferre gradum, et veniendi discere caussas.
At Danaùm proceres, Agamemnoniaeque phalanges,
Ut vidére virum fulgentiaque arma per umbras, 490
Ingenti trepidare metu: pars vertere terga,
Ceu quondam petiere rates: pars tollere vocem
JEaeiguam ; inceptus clamor frustratur hiantes.
Atque hic Priamiden laniatum corpore toto
Deiphobum vidit, lacerum crudeliter ora,
Ora, manusque ambas, populataque tempora raptis
Ella il tergo gli sbieca, e i rai giù fisa;
Nè al pio sermon più si commove in volto,
Che se stea dura selce, o roccia Alpina.
Ratta alfin gli s'invola, e in bosco ombroso
Fugge ostilmente, ove Sicheo l'uom primo
Ne divide il dolor, l'amor m' adegua.
Smarrito Enea dal caso rio, col guardo
Lungi la siegue, e in sua pietà ne piagne.
Poi riede in corso: e già tenean l'estremo
Dei pian men rii, che i pro guerrieri apparta.
Quì il gran Partenopêo, qui viengli incontro
Tidéo, quì 'l pinto a pallid'orme Adrasto.
Quî i spenti in guerra, e assai già pianti al mondo,
Dardanii; a fil tutti li mira, e geme;
Glauco avvisa, e Tersiloco, e Medonte,
D'Antenore i tre figli, e a Cerer sacro
Polfete, e Idéo, ch' armi tien anco, e carro.
Stangli in frotta quell'alme a destra a manca.
Nè sazie mai godon seguirlo, e indugi
Dargli, e saper come e perchè là venne.
Ma i duci Achei, le Agammenonie schiere,
Visto il fulgido d'armi Enea fra l'ombre,
Fa il terror palpitar: chi volge il dorso,
Qual già fuggian vivi al naval: chi voce
Mette sottil; tronca a mezz' aura il grido.
Qui scorge informe il Priaméo Deifobo
Pien di squarci le membra, e il viso ahi! lacero,
E ambe le man, raso le tempie e mutilo

« PreviousContinue »