Page images
PDF
EPUB

LIBRO SESTO.

DELL'ENEIDE 15't DI P. VIRGILIO MARONE

[ocr errors]

Parlo fra il pianto, e il fren disciolse al corso,
E alfin tocco l' Euboiche sabbie in Cuma. :
Le prue volgonsi al mar: col ferreo dente?
Ferma l'ancora i legni, ombran le poppe
L'orlo del suol. Gajo drappel sul lido
Sbalza d'Esperia; e chi dal selce i semi 17
Traę dell'ardor; chi delle belve al bosco
Dirada i covi; o i cerchi fonti addita.
Ma il pio Signor tende alla rocca, ov'alto i
Presiede Apollo, e ov'orrid'antro all'ermo
Tien la Vergin fatal; cui Delio inspira
Gran cuor grand' alma, e l'avvenir disvela.
Già stan di Trivia agli aurei tetti e al luco.

Da Creta il piè Dedalo a trar, (n'è fama )
Su ratte penne oso fidarsi all'aure,
Per strana vià spinse al fredd'Arto il nuoto;
E alfin d'Eubea liève sostette a'gioghi.
Terra qui ritocco; qui, o Febo, in voto
L'alę t'offrì, tenipio teresse immenso.
D'Andrógea il fato offron les porte: ce vin pena no

Cecropidae jussi, miserum!, septena quot annis
Corpora natorum; stat ductis sortibus urna.
Contra elata mari respondet Gnosia tellus.
Hic crudelis amor tauri, suppostaque furto
Pasiphaë, mixtumque genus, prolesque biformis
Minotaurus inest, Veneris monumenta nefandae.
Híc labor ille domus, et inextricabilis error.
Magnum Reginae sed enim miseratus amorem
Daedalus, ipse dolos tecti ambagesque resolvit,
Caeca regens filo vestigia. Tu quoque magnam 30
Partem opere in tanto, sineret dolor, Icare, haberes.
Bis conatus erat casus effingere in auro;
Bis patriae cecidere manus. Quin protenus omnia
Perlegerent oculis, ni jam praemissus Achates
Afforet, atque unà Phobi Triviaeque sacerdos,
Deiphobe Glauci, fatur quae talia regi:
Non hoc ista sibi tempus spectacula poscit :
Nunc

grege de intacto septem mactare juvencos Praestiterit, totidem lectas de more bidentes.

Talibus affata AEnean (nec sacra morantur 40 Jussa viri) Teucros vocat alta in templa sacerdos, Excisum Euboicae latus ingens rupis in antrum: Quò lati ducunt aditus centum, ostia centum; Unde ruunt totidem voces, responsa Sibyllae. Ventum erat ad limen, quum virgo, Poscere fata Tempus, ait: deus, ecce, deus. Cui talia fanti Ante fores, subitò non vultus, non color unus, Non comptae mansere comae; sed pectus anhelum,

Gli Attici astretti ahi! sette figli ogn'anno
Per ostie a dar; tratti i destin sta l'urna.
Sorge incontro sull'acque il Gnossio lido.
Qui un toro è il drudo, arde d'amor furtivo
Pasifae, e n'esce il Minotauro, infando
D'empia Vener troféo, biforme innesto,
Qui pien di vie l'inestricabil cinto.
Ma d'Arianna il grand'amor fe' al fabbro
Pietà: gli error del cieco gruppo ei scioglie,
Auspice un fil. Nel

gran
lavor

gran parte,
Se il duol non era, Icaro, avresti. Ei padre
Due volte in or prese a ritrar tuo caso;
Due gli cadde la man. Sul resto il guardo
Vorrían portar, ma col premesso Acate
Già Deifobe appar, che a Glauco nacque,
D'ambo i Delii ministra, e il re già sgrida:
Eh! ch'or non è di sculte scene il tempo:
Settagne or dei d' intatto branco in rito,
Sette immolar scevri di néo giovenchi.

Disse, e già s'empie il sacro cenno. Or dessa
Chiama i Teucri al gran tempio, e quindi all'antro,
Ch’ampio scavar' dell'alta rupe a un lato:
Quà cento vie per cento porte han foce;
E indi ogni carme in cento voci erompe.
Tocche le soglie: Or delle inchieste è il tempo:
Ecco, ecco il dio; sclama la vate. E tosto
Color cangia, s'arresta, è un altro il volto,
Si rabbuffan le chiome; il petto anela;

Et rabie fera corda tument, majorque videri,
Nec mortale sonans, afflata est numine quando 50
Jam propiore dei. Cessas in vota precesque ;
Tros, ait, AEnea? cessas? neque enim ante dehiscent
Attonitae magna ora domús. Et talia fata,
Conticuit. Gelidus Teucris per dura cucurrit
Ossa tremor; funditque preces rex pectore ab imo:

Phæbe, graves Trojae semper miserate labores,
Dardana qui Paridis direxti tela manusque
Corpus in AEacidae ; magnas obeuntia terras
Tot maria intravi, duce te, penitusque repostas
Massylúm gentes, praetentaque Syrtibus arva; 60
Jam tandem Italiae fugientis prendimus oras:
Hàc Trojana tenus fuerit fortuna secuta.
Vos quoque Pergameae jam fas est parcere genti,
Dique deaeque omnes quibus obstitit Ilium, et ingens I
Gloria Dardaniae. Tuque, o sanctissima vates,
Praescia venturi, da (non indebita posco
Regna meis fatis) Latio considere Teucros,
Errantesque deos, agitataque numina Trojae.
Tum Phæbo et Triviae solido de' marmore templum
Instituam, festosque dies de nomine Phoebi. 70
Te quoque magna manent regnis penetralia nostris:
Hic

ego namque tuas sortes, arcanaque fata Dicta meae genti, ponam, lectosque sacrabo,

Alma, viros. Foliis tantùm carmina manda,
Ne turbata volent rapidis ludibria ventis:
Ipsa canas, oro. Finem dedit ore. loquendi.

[ocr errors]

Freme turgido il cuor, maggior già sembra,
Nè ha suon mortal. Già il dio s'appressa, e d'estro
L’empie, l'incende. E a'voti lento e a'prieghi
Ti sbadi, Enea? gli usci non pria, diss’ella,
L'entea magion spalancherà. Qui tacque.
Corse orror freddo a'duri Troj per l'ossa;
E il re verso dall'imo cuor tal prece:

Febo, che ognor su i Frigii guai pietoso,
Di Pari un di l'arco e la man scorgesti
D'Achille al piè; lungo gran coste in tanti
Mari e in Massile intime terre e in campi
Da rie Sirti vallati entrai, te duce;
L'Italia alfin non più fuggente or prendo:
N'abbia fin qui d'Ilio la sorte afflitti.
Voi
pur
lasciate il lasso

germie

in

pace, Dii tutti e Dee, cui spiacque Troja, e l'alto Dardanio lustro. E tu che il vel, gran vate, Squarci al destin, deh! (se a' miei' fati il chiesto Regno si de') seggio nel Lazio a' Teucri, E a'lari erranti, e a’scossi numi, impetra. Nel nuov’llio un marmoreo a Trivia e a Febo Tempio ergerd, diro Febei di sacri. Tu

pur vi avrai gran penetral: qui a serbo Vo'por tue cifre, e ogni fatal mistero Schiuso al mio sangue, e almo crear devoto Drappel. Ma in foglie ah! non mi verga i carmi, Che spersi andrían gioco de' venti a volo: Dessa deh! canta. E qui al pregar fe' meta.

VIRGIL. Eneid. Tom. I.

« PreviousContinue »