Page images
PDF
EPUB

Sovra un lucido sangue ; onde le vittime,
Lì a sorte ancise, il verde pian fer lubrico.
Quì l'omai vincitor tentenna e dondola,
Preme il suol, ma non tiensi ; alfin giù penzola,
Boccon stramazza, e in quell'umor s'avvoltola.
Ma non d' Eurialo, alma sua fiamma, è immemore;
S'erge pel loto, e impaccia Salio, e sdrucciolo
Nell'unta sabbia a brancicar lo strascica.
Slanciasi Eurialo , e sua mercè , tra un fremito
Che il fe'volar, primo trionfa. Or Elimo
Secondo avvien, terzo all'onor Diore.
Tutta quì la gran cavea e il fior de' padri
Vien Salio a empir d'urli e schiamazzi; e chiede
Qual suo l'onor che gl' involò vil frode.
Sta il favor pel rival, sta il nobil pianto,
Sta il valor che in bel corpo appar più bello.
L'aita, e grande alza il clamor, Diore ,
Che alla palma successe, e al premio aspira
Ultimo invan, fatto di Salio il primo.
Riprese Enea: stansi i don vostri, o prodi,
Fermi per voi, salde in suo ruol le palme :
Sol vo' blandir d'egro a me caro il caso.
E a Salio diè d' Afro lion gran pelle,
Grave a' lunghi be'villi, e unghiuta in oro.
Qui Niso: O Sir, s'han cotai doni i vinti,
Se a chi cadde hai pietà, qual degno a Niso
Premio darai, primo a lucrar corona,
Se me, qual Salio, egro non fea sventura?

AEt simul his dictis faciem ostentabat, et udo
Turpia membra fimo. Risit pater optimus olli;
Et clypeum efferri jussit, Didymaonis artes,
Neptuni sacro Danais de poste refiaeum. 36o
Hoc juvenem egregium praestanti munere donat.
Post, ubi confecti cursus, et dona peregit:
Nunc, si cui virtus animusque in pectore praesens,
Adsit, et evinctis attollat brachia palmis.
Sic ait; et geminum pugnae proponit honorem:
}^ictori velatum auro vittisque juvencum;
Ensem, atque insignem galeam, solatia victo.
Nec mora ; continuò vastis cum viribus effert
Ora Dares, magnoque virûm se murmure tollit:
Solus qui Paridem solitus contendere contra; 37o
Idemque ad tumulum quo maacimus occubat Hector
J^ictorem Buten immani corpore, qui se
Bebrycia veniens Amyci de gente ferebat,
Perculit, et fulva moribundum eaetendit arena.
Talis prima Dares caput altum in prælia tollit :
Ostenditque humeros latos, alternaque jactat
Brachia protendens, et verberat ictibus auras.
Quaeritur huic alius; nec quisquam eae agmine tanto
Audet adire virum, manibusque inducere cestus.
Ergo alacris, cunctosque putans eaecedere palma,
4Eneae stetit ante pedes; nec plura moratus, 381
Tum laeva taurum cornu tenet, atque ita fatur:
Nate dea, si nemo audet se credere pugnae,
Quae finis standi? quò me decet usque teneri?

[ocr errors]

E in mezzo al dir lordi di brago i panni
Mostrava e il viso. Il buon Signor gli ride;
Fa un scudo addur, d'un Didimäo lavoro,
Tolto agli Achei dalle Nettunie porte.
E il biondo eroe di un sì bel don fa lieto.
Chiusa la corsa, e appien divisi i pregi:
Or, se alcun v'ha baldo e valente al cesto,
Venga, e le braccia a istrutte palme innalzi.
Dice, e al duel doppia gli onori: un toro
Pel vincitor, d'oro e di bende ornato;
Conforti al vinto, un nobil elmo e un brando.
Già fuor si trae con vasta lena, e s'erge
Fra un gran susurro approvator, Darete:
Quei che solea star contro Pari il solo;
E alla tomba d'Ettòr l' invitto Bute
Di corpo colossal, Bebricio germe,
D'Amicio il sangue uso vantar, d'un colpo
Colse, e lo stese a palpitar sul campo.
Primo a pugna un tal uom leva alto il capo:
E i larghi omer fa nudi, e alterno il braccio
Stende e lo slancia, e mena colpi all'aure.
Gli si cerca un rival ; nè alcun fra tanti
Osa i cesti imbracciar, per girgli a fronte.
Ei dunque altier, quasi alla palma il solo,
Al piè d'Enea postasi innanzi ; e franco
Sul corno al bue pon la sinistra, e dice:
Eiglio di dea, se niun s'attenta a giostra,
Quant'ho più a star? quando avrà fin l'indugio?
Ducere dona jube. Cuncti simul ore fremebant
Dardanidae, reddique viro promissa jubebant.
Hic gravis Entellum dictis castigat Acestes,
Proacimus ut viridante toro consederat herbae:
Entelle, heroum quondam fortissime frustra,
Tantane tam patiens nullo certamine tolli 39o
Dona sines? ubi nunc nobis deus ille, magister
Mequidquam memoratus, Eryæ ? ubi fama per omnem
Trinacriam, et spolia illa tuis pendentia tectis?
Ille sub haec: Non laudis amor, nec gloria cessit
Pulsa metu; sed enim gelidus tardante senecta
Sanguis hebet, frigentque effetae in corpore vires.
Si mihi, quae quondam fuerat, quaque improbus iste
Eaesultat fidens, si nunc foret illa juventas,
Haud equidem pretio inductus pulchroque juvenco
Venissem: nec dona moror. Sic deinde locutus, 4oQ
In medium geminos immani pondere cestus
Projecit, quibus acer Eryæ in prælia suetus
Ferre manum, duroque intendere brachia tergo.
Obstupuere animi: tantorum ingentia septem
Terga boum plumbo insuto ferroque rigebant.
Ante omnes stupet ipse Dares, longeque recusat:
Magnanimusque Anchisiades et pondus et ipsa
Huc illuc vinclorum immensa volumina versat.
Tum senior tales referebat pectore voces:
Quid, si quis cestus ipsius et Herculis arma 41o
}^idisset, tristemque hoc ipso in littore pugnam ?
Haec germanus Eryæ quondam tuus arma gerebat:

[ocr errors]

Di'che il toro è già mio. Fremean d' assenso
Tutti, e volean fede a lui resa, i Teucri.
Qui grave il Re così rampogna Entello,
Che a lui sedea su verde cespo accanto:
O Entello, o invan fior già d'eroi, tu soffri,
Che un don sì bel senza pugnar sia tolto?
Erice ov'è, quel nostro dio, tuo mastro,
Qual vanti invan? dov' or la fama, ond'empi
Sicania, e i spogli entro al tuo tetto appesi?
Quei tosto: Ah! no, non è viltà che fughi
Disfo d'onor ; ma senil ghiaccio il sangue
M' impigra, e torpe in lasso corpo il nerbo.
Se in me, qual arse, e onde costui pien d'estro
Si fier braveggia, or giovin fuoco ardesse,
Già là starei pel genio mio, non vago
Del ricco bue: don non mi trae. Sì disse;
Due cesti poi d' immane pondo in mezzo
Gittò, que' dessi, onde solea la mano
Erice armar, trar gli aspri cuoj sul braccio.
Tutti stupir': sette di bue gran pelli
Tanto tenean piombo e ferrame inserto.
Ne strabilia il rival, gli esécra e sfata:
L'inclito Enea librane il pondo, e tutti
Quà e là de' gruppi i gran volumi aggira.
L' acre vecchio qui intuona: E che, se avesse
Pur visto alcun l'armi d' Alcide e i cesti,
E il fatal qui medesmo ostil cimento?
D' Erice il tuo german fur già quest' armi:
Viagil. Eneid. Tom. 1. I è

« PreviousContinue »