Page images
PDF
EPUB

Ne credo il di, che acerbo sempre, e sempre
Culto mi fia (dei, si voleste). In questo
Se alle sirti Getule esul mi stessi,
Colto d'Argo nel mar, schiavo in Micene;
Pur gli annui voti e le solenni in rito
Pompe offrirei, l'are ornerei di doni.
Ma propio or noi d'esso buon padre all'urna,
Non senza no senno e voler de' numi,
Qui stiam, quà spinti al fausto lido. Or dunque
Tutti quì il festeggiam: chiediamgli i venti,
Chiediam, ch'ei voglia in nuova Troja ogn' anno
Quest' almo onor, sacri a lui stesso i templi.
Di buoi due capi il Teucro germe Aceste
A ogni legno v'invia: gli ospiti usate
Lari ch'ei cole, e i patrii vostri al desco.
Poi, quando in suo natal la nona Aurora,
Stesi limpidi rai, bel di prometta,
Teucra porrò gara naval la prima:
Trinacrio pur, chi snello piè ; chi vanta
Braccio ed ardir, sia mel frecciar più destro,
O entrar s'attenti al crudo cesto in giostra;
Venga: e se vince, il degno premio attenda.
Dia ciascun suon d' assenso, e il crin s'infraschi.
Disse, e il mirto materno al capo attorce;
Già pur Elimo il fa, già il biondo Giulo,
Già il vecchio re ; quanto è lo stuol gl'imita.
Dal ceto Enea mille seguaci e mille

Trasse all' avel, ligia il cingea gran turba.
ViRGiL. Eneid. Tom. 1. F f

Hic duo rite mero libans carchesia baccho
JFundit humi, duo lacte novo, duo sanguine sacro;
Purpureosque jacit flores, ac talia fatur:
Salve, sancte parens, iterum: salvete, recepti 8o
Nequidquam cineres, animaeque umbraeque paternae.
INon licuit fines Italos fataliaque arva, -
Nec tecum Ausonium, quicumq; est, quaerere Thybrim.
Diacerat haec, adytis quum lubricus anguis ab imis
Septem ingens gyros, septena volumina, traxit,
Ampleaeus placidè tumulum, lapsusque per aras;
Caeruleae cui terga notae, maculosus et auro
Squamam incendebat fulgor; ceu nubibus arcus
Mille jacit varios adverso sole colores.
Obstupuit visu AEneas. Ille, agmine longo 9o
Tandem inter pateras et levia pocula serpens,
Libavitque dapes, rursusque innoacius imo
Successit tumulo, et depasta altaria liquit.
Hoc magis inceptos genitori instaurat honores,
Incertus geniumne loci, famulumne parentis,
Esse putet. Caedit quinas de more bidentes,
Totque sues, totidem nigrantes terga juvencos:
J^inaque fundebat pateris, animamque vocabat
Anchisae magni, Manesque Acheronte remissos.
Nec non et socii, quae cuique est copia, laeti 10O
Dona ferunt, onerantque aras, mactantque juvencos:
Ordine ahena locant alii; fusique per herbam
Subjiciunt veribus prunas, et viscera torrent. .
Eaespectata dies aderat, nonamque serena

Qui, a due tazze per getto, e liba e versa,
Pretto vin, fresco latte, e sangue sacro;
IBe' fior vi sparge: e, A te men riedo, ei dice,
Salve, o gran genitor: salvete avanzi,
Che invan racquisto, e alme d'Anchise e Mani.
Non diessi a Italia e al fatal agro ir teco,
Teco cercar, chè il Lazio sia, chè il Tebbro.
Disse, e dal fondo un lubric' angue emerse,
Che sette invogli ampio menò, sett'archi,
Mite avvinse l'avel, strisciò per l'are;
Glauche liste ha sul dorso, arde alle squamme
D'or vergato un fulgor; qual d'arco in nube,
Che obliqui al sol mille color ribatte.
Nol fuga Enea. Quei con sue lunghe spire
Serpendo alfin fra lisci nappi e lanci, -
Libô vivande, e all' ima tomba in buca
Non reo tornò, l'are lasciò gustate.
Più avviva allor 1'atre sue pompe, incerto,
Se anzi il genio del loco, o un servo il pensi
Del genitor. Cinque be' ciacchi uccide,
Cinque agne, e cinque a negro pel giovenchi:
Spande vin dalle tazze, e l'alma e l'ombra
Del magno Eroe , sciolte da Stige, invoca.
Lieto un drappel, quai ciascun puote, anch' offre
Doni, e l'are ne carca, e l' ostie svena:
Su cespi i bronzi altri ben loca ; o sdrajo
Bragge a spiedi pon sotto, e carni arrosta.
Sorgea bramato il nono giorno, e un'alba

[ocr errors]

Auroram Phaëthontis equi jam luce vehebant:
Famaque finitimos et clari nomen Acestae
Eaecierat: laeto complérant littora coetu,
Visuri AEneadas, pars et certare parati.
Munera principio ante oculos circoque locantur
In medio; sacri tripodes, viridesque coronae 1 1 o
Et palmae, pretium victoribus; armaque, et ostro
Perfusae vestes, argenti aurique talenta.
Et tuba commissos medio canit aggere ludos.
Prima pares ineunt gravibus certamina remis
Quatuor eae omni delectae classe carinae.
J^elocem Mnestheus agit acri remige Pristin,
JMoae Italus Mnestheus, genus a quo nomine Memmi;
Ingentemque Gyas ingenti mole Chimaeram,
Urbis opus: triplici pubes quam Dardana versu
Impellunt, terno consurgunt ordine remi; 12O
Sergestusque, domus tenet a quo Sergia nomen,
Centauro invehitur magna; Scyllaque Cloanthus
Caerulea, genus unde tibi, Romane Cluenti.
Est procul in pelago saaeum, spumantia contra
Littora, quod tumidis submersum tunditur olim
Fluctibus, hiberni condunt ubi sidera Cori;
Tranquillo silet, immotaque attollitur unda
Campus, et apricis statio gratissima mergis.
Hic viridem AEneas frondenti eae ilice metam
Constituit signum nautis pater, unde reverti 130
Scirent, et longos ubi circumflectere cursus.
Tum loca sorte legunt; ipsique in puppibus auro

[ocr errors]

Traean brillante i Fetontéi cavalli:
D'Aceste il nome e degli Eneadi il grido
Mosse i vicin, ch'empiono gaj l'arena,
Tratti a veder, parte anche pronti a sfida.
Stan posti in vista e a mezzo circo i premj;
Sacri treppiè, verdi corone e palme,
' Fregio a chi vinca; e lucid'armi, e vesti
Ch'ostro abbelli, pesi d'argento e d'oro.
Qui d' alto intuona il cavo bronzo i ludi.
Quattro gran legni, atti a gran remi, e scelti
Fra i più forniti, a battagliar som primi.
Regge la Pistri e ben guernita e snella
Mnésteo, che, Italo poi, diè il ceppo a Memmi;
Gia la Chimera, a strana mole immensa,
Pari a lignea città:-tre liste ostenta
D'acri Dardane braccia, e tre di remi;
Tien poi Sergesto, ond'ham legnaggio i Sergj,
L'ampia Centauro ; e la cerulea Scilla
Cloanto, ond'hai, Roman Cluenzio, il sangue.
Sta lunge in mar, di quelle spiagge a fronte,
Scoglio, cui batte e tutto copre il torbo
Piotto, se gli astri iberno Cauro asconda:
Tace a mar cheto, e aprico campo allotta
Spiega sull'acque, almo ricetto a smergi.
Qui Enea per meta elce alberò fronzuta,
Segno a' nocchier, che là voleasi a lunghi
Corsi la volta, indi il ritorno al lido.
Fissa i luoghi la sorte; i quattro in poppa

« PreviousContinue »