Page images
PDF
EPUB

Grave, ognum tace, e a tese orecchie pende; Quei col destro parlar gl'imbriglia, e molce. Tal si raccheta ogni bollor marino, Sotto il guardo del dio, che a ciel sereno Torce i destrier, spinge a volar la biga. Stanco il Trojan fa d'afferrar que'lidi, Ch'ei scorge, e drizza all' Afre sabbie il corso. , Giace un golfo in disparte: in porto il volge Isoletta all'entrar, che sporge i fianchi, E infrange i flutti, e li riversa e spiana. «Quinci- e quindi gran rupi, e al ciel minaci Due scogli, alle cui falde in largo giro Fa stagno il mar ; lucide selve in vetta • Fan scena, e giù stende orrid'ombra un bosco. Sta in faccia un antro, a pensil massi, intesto 5 Dentro acque dolci, e vivi seggi in sasso, Stanza di Ninfe: han qui le navi asilo, Nè una fune le tien, nè un ferreo morso. V'approda Enea, non più raccolte a stento Che- sette prue; del mar sdegnosi, a terra „Sbalzano i Troj; bacian le arene a- gara, E ognum v'adagia egro da nembi il fianco. . Quâ Acate in pria fa scintillar la selce, * , Coglie in frondi quel getto, arida intorno L'esca, gli porge, e agil ne crea la fiamma. Di cerer. poi gli umidi avanzi e l'armi , Traggon lassi e digiuni; e i guasti grani Fan che, il fuoco rasciutti, e franga il sasso.

AEneas scopulum interea conscendit, et omnem 180 Prospectum late pelago petit; Anthea si quem ' * Jactatum vento videat, Phrygiasque biremes, . . Aut Capyn, aut celsis in puppibus arma Caici. ' IVavem in conspectu nullam, tres littore cervos . Prospicit errantes ; hos tota armenta sequuntur A tergo, et longum per valles pascitur agmen. , * Constitit hic, arcumque manu celeresque sagittas... Corripuit, fidus quae tela gerebat Achates; Ductoresque ipsos primùm, capita alta ferentes , Cornibus arboreis, sternit; tum vulgus et omnem 190 Miscet agens telis nemora inter frondea turbam. . IVec prius absistit, quam septem ingentia victor '* Corpora fundat humi, et numerum cum navibus aequet. ' Hinc portum petit, et socios partitur in omnes.** J^ina, bonus, quae deinde cadis onerârat Acestes ! Littore Trinacrio , dederatque abeuntibus heros, . Dividit, et dictis maerentia pectora mulcet: i ','. O socii (neque enim ignari sumus ante malorum J, O passi graviora, dabit deus his quoque fihem. J^os et Scyllaeam rabiem penitusque sonantes 2oo Accestis scopulos, vos et Cyclopia saaea Experti: revocate animos, maestumque timorem ` Mittite ; forsan et haec olim meminisse juvabit. Per varios casus, per tot discrimina rerum, Tendimus in Latium, sedes ubi fata quietas Ostendunt: illic fas regna resurgere Trojae. . . . . Purate, et vosmet rebus seryate secundis.

[ocr errors]

179 DELL ENEIDE IL. I. 17

Frattanto Enea sale un de' scogli, e in giro
' Porta il guardo a scoprir, se alcun rivegga
De'suoi legni a vagar ; se Antéo, se Capi,
Caico almen dall'alto scudo in poppa.
Navi non già, mira bensi tre cervi
Al lido errar ; tutto li siegue a tergo
L'armento, e all'ermo in lungo stuol si pasce.
S' arresta, e in man l'arco si reca e i dardi,
Armi che Acate il suo fedel gli porta;
E primi abbatte i condottier dall'alta
Arborea fronte; indi saetta il branco ,
E al suo scoccar tutto fra' boschi il mesce.
Nè cessa pria, che vincitor ne atterri
Sette gran corpi, e ai sette pin gli agguagli.
Poi riede al porto, e fra que' suoi li parte.
V'aggiunge il vin, che sul Trinacrio lido
Largo lor die' nel congedarli Aceste,
E avvolti in duol sì li ricrea: Miei fidi,
Già induriti a soffrir (che guai portammo
Più gravi ancor), dio cesserà pur questi.
Voi di Scilla il furor; voi rie varcaste
Sirti e marée, voi de' Ciclopi i sassi: -
Cuor fate or voi, l'orror fugate e il lutto;
Ah! forse un dì ciò rammentar fia dolce.
Per varj casi, e sì rei strazj e tanti,
Al Lazio vassi, ove un bell' ozio il fato,
E un altro Ilio vi appresta, e um altro regno.
Deh! ognun stia saldo, e a' fausti dì si serbi.
Virgil. Eneid. Tom. 1. C.

Talia voce refert, curisque ingentibus aeger, Spem vultu simulat, premit altum corde dolorem. Illi se praedae accingunt dapibusque futuris: 2 io Tergora deripiunt costis, et viscera nudant. Pars in frusta secant, veribusque trementia figunt: Littore ahena locant alii, flammasque ministrant. Tum -victu reyocant vires; fusique per herbam Implentur veteris bacchi, pinguisque ferinae.

Postquam eaeemptafames epulis, mensaequeremotae, Amissos longo socios sermone requirunt, Spemque metumque inter dubii, seu vivere credant, Sive eaetrema pati, nec jam eæaudire vocatos. ' Praecipue pius AEneas nunc acris Oronti, 22O Nunc Amyci casum gemit, et crudelia secum Fata Lyci, fortemque Gyan , fortemque Cloanthum.

Et jam finis erat, quum Juppiter aethere summo Despiciens mare velivolum, terrasque jacentes, ILittoraque, et latos populos, sic vertice caeli Constitit, et Libyae defiacit lumina regnis. Atque illum tales jactantem pectore curas Tristior, et lacrymis oculos suffusa nitentes, Alloquitur J^enus: O qui res hominumque deúmque AEternis regis imperiis, et fulmine terres, . 23o Quid meus AEneas in te committere tantum, Quid Troës potuere, quibus tot funera passis Cunctus ob Italiam terrarum clauditur orbis? Certe hinc Romanos olim volventibus annis Hinc fore ductores, reyocato a sanguine Teucri,

Tal parla il duce, egro d'ambasce, e in volto Mostra sperar, serra ogni duol giù in petto. S' accinge il volgo a far la preda in dape: Già le carni a gran foga e spoglia e squatra. Chi a spiedi infilza anco tremanti i brani: Chi arma il lido a caldaje, e i fuochi attempra. Poi si sdrajan per l'erba, e in brio li torna Vecchio liéo, di pingue caccia il pasto.

Sazj che fur, tolte le mense, un lungo Su i già lor socj ansio sermon s'aggira, Tra la speme e il timor, se ancor sian vivi, O anzi all'ombre già scesi, e a' lai già sordi. Più ch'altri Enea dalla pietà compunto E Oronte, e Amicio, e il rio destin di Lico, E il buon Gia fra sè piagne, e il buon Cleanto.

Già il fin giugnea, quando il gran Re giù d'alto Mirando il mar sparso di vele, e i lidi, L'ampie genti, e i gran campi, al cielo in vetta Ristette, e i rai sugli Afri regni affisse. Quì a lui dell'uom fermo a librar le sorti . Mesta, e di stille i lucid'occhi aspersa, Vener parlò: Padre e Signor, che al mondo Dai leggi eterne, e al fulminar lo scuoti, Che il figlio Enea, che in te peccar mai tanto Potéro i Troj, naufraghi omai, cui tutto, Per stornarli d' Italia, il suol si chiude? Si ; che il Roman, svolti più lustri, in campo Duce verria, germe novel di Teucro,

« PreviousContinue »