Page images
PDF
EPUB

Sen va, nè il gorgo anco gli tinse i lombi.
Terror noi scosti urge a fuggir, sì degno
Supplice accolto; ecco tagliam la fune
Cheti: e instiam proni a gareggiar co' remi.
Ci sente il cieco, e al suon già volge il corso.
Ma inteso alfin, che nè por man su nave,
Nè oltre può gir de' Gionii flutti al paro;
Da un strido immenso, onde il mar trema e i golfi
Fan eco intorno ; inorridì pur tutta
L'Ausonia, e i curvi, Etna, muggir'tuoi spechi.
Desta l'orda de'suoi, da' boschi e monti
Vien precipite a' porti, e n'empie i lidi.
Torvi l'occhio veggiam gli invan raccolti
Fratelli Etnéi, ch'ergon le teste all'etra,
Concilio orrendo: han tal sui gioghi altura
Piramidai cipressi, o aerie querci,
Luco a Diana, o cupa selva a Giove.
L' acre tema c'incalza a trar le sarte,
Montar le vele, ovunque porti il vento.
Dal Sicol vate osta il predir. [Di morte
Tra le attigue due vie, Cariddi e Scilla,
Passar vietò: giova il voltar ] Qui un fausto
Dall'arta foce Aquilo invia Peloro.
Di Pantágia le bocche a scoglio vivo,
E il sen Megáreo, e l'umil Tapso io varco.
Nel risolcar, ve già vagô, tai lidi -*
Segnando gfa quell' Odisséo compagno.
Sta sul golfo Sicano isola al torbo

Plemmyrium undosum: nomen direre priores
Ortygiam. Alpheum fama est huc Elidis amnem
Occultas egisse vias subter mare ; qui nunc
Ore, Arethusa , tuo Siculis confunditur undis.
Numina magna loco jussi, veneramur; et inde
Eaesupero praepingue solum stagnantis Helori.
Hinc altas cautes projectaque saaea Pachyni
Radimus; et fatis numquam concessa moveri 7oo
Apparet Camarina procul, campique Geloi,
Immanisque Gela, fluvii cognomine dicta.
Arduus inde Acragas ostentat maaeima longe
Moenia, magnanimuim quondam generator equorum.
Teque datis linquo ventis, palmosa Selimus:
Et vada dura lego saaeis Lilybeia caecis.
Hinc Drepani me portus et illaetabilis ora
Accipit. Hic, pelagi tot tempestatibus actus,
Heu! genitorem, omnis curae casusque levamen ,
Amitto Anchisen : hic me, pater optime, fessum 7 1 o
Deseris, heu! tantis nequidquam erepte periclis!
Nec vates Helenus, quum multa horrenda moneret,
Hos mihi praedicit luctus, non dira Celaeno.
Hic labor eaetremus, longarum haec meta viarum.
Hinc me digressum vestris deus appulit oris.
Sic pater AEneas, intentis omnibus, unus
Fata renarrabat divum, cursusque docebat:
Conticuit tandem, factoque hic fine quievit.

Plemmirio opposta: ebbe da' prischi il nome
D'Ortigia. Alféo, fiume d'Arcadia, è fama
Che quà sott' acqua occulte vie s'aprisse ;
Qui a' tuoi gorghi, Aretusa, i suoi confonda.
L'ingiunto onor rendo a que' numi ; e rado
L'opimo suol del paludoso Eloro;
Poi del Pachin 1'eccelse rupi e i lunghi
Ciglion; da' dii stagno a colmar disdetto,
Lungi appar Camarina, e l'ampia Gela
Co' pian Gelöi, nomi cognati al fiume.
L'alto Acragante apre lontan (già padre
D' Istmii corsier) le vaste mura ; e a preste
Vele Selin ricca di palme, e il tristo
Piè Lilibéo pe* ciechi sassi, io scorro.
Drépano alfin porto inamabil m'offre.
Qui, scorse già tante procelle , ahi! perdo,
D'ogni mio duol l'almo conforto, Anchise.
Quî tu me lasso, ottimo padre, indarno
Per me già tolto a sì gran rischi, ahi! lasci.
Nè a me cantò fra i molti guai tal lutto
Eleno il vate, o la feral Celeno.
Qui il colmo al mal, quì fu l'arresto a'giri.
Da que' lidi qui a'vostri un dio mi spinse.
Tal ridicea, fisi in lui tutti, ei solo
Gli alti suoi fati, e i varj corsi Enea:
E alfin qui stanco al lungo dir fe' posa.

[ocr errors]

Æ VE ID OS P. VIR G I L II MA R O VIS

LIBER QUARTUS.

Ar regina, gravi jam dudum saucia cura,
Vulnus alit venis, et caeco carpitur igni.
Multa viri virtus animo, multusque recursat
Gentis honos: haerent infiaci pectore vultus,
Verbaque ; nec placidam membris dat cura quietem.
Postera Phoebea lustrabat lampade terras,
Humentemque Aurora polo dimoverat umbram;
Quum sic unanimam alloquitur male sana sororem :
Anna soror, quae me suspensam insomnia terrent!
Quis novus hic nostris successit sedibus hospes! 10
Quem sese ore ferens! quàm forti pectore, et armis!
Credo equidem, nec vana fides, genus esse deorum.
Degeneres animos timor arguit. Heu! quibus ille
Jactatus fatis! quae bella eaehausta canebat!
Si mihi non animo fiaeum immotumque sederet
Me cui me vinclo vellem sociare jugali,
Postquam primus amor deceptam morte fefellit;
Si non pertaesum thalami taedaeque fuisset;
Huic uni forsan potui succumbere culpae. .
Anna, fatebor enim, miseri post fata Sychaei 20
DE LIL' E N EIDE
DI P. VIRGILIO MARONE

LIBRO QUARTO.

MA Dido, ahi! già da rio desir trafitta,
Di cieco ardor, d'intima piaga è pasto.
Gli alti pregi d'Enea, l'alto rammenta
Onor del sangue: ogni suo detto, ogn'atto
Tien sculto in sen; nè almo sopor la molce.
Prossima al sol l'Alba splendea, già scosse
L'umid'ombre dal ciel; quand'ella insana
All'unanime suora: Anna, quai veglie .
Mi travaglian spaurita, ond'ardo e gelo!
Chi fia costui che qui novello alberga !
Che nobil brio! d'alma qual forza e d'armi!
Ah! sì, nè invan, prole il cred'io de'numi.
Cuor degenere è vil. Deh! qual de* fati
Succhiò rigor! quai bellich'ire ! udisti?
Quand'alto in cuor non mi sedesse e fermo,
Ch'altro viril non soffrirei legame,
Visto il mio primo amor da morte illuso;
Nè seguissi a esecrar talami e tede;
Quest' uno è forse, ond'ir sedotta, il fallo.
Anna, il vo' dir, da che il fratel m'intrise
ViaGiL. Eneid. Tom. /. j^

« PreviousContinue »