Page images
PDF
EPUB
[ocr errors]

Preso allora un gran nappo il padre Anchise
Di vin sel colma, e l'incorona, e ritto
Sull'alta poppa a' dei fa priego: 0 numi,
Che il mar, che il suol, che insiem reggete i nembi,
Deh! al corso il vento e il favor vostro aspiri.
L'aura chiesta rinforza, e il porto al guardo
Cresce, e già il monte offre Minerva in vetta.
Volte al lido le prue, stringiam le vele.
Contra il mar d'Euro, arco fa il porto; a’spruzzi
Roccie spumano opposte; ei giace ascoso:
Scogli turriti a doppio braccio un scabro
Fan muro in giù, sfugge dal lido il tempio.

Quattro cavai, primo presagio, al pasco
Qui scorgo errar, bianchi qual neve. E il padre:
Terra ospital, guerra tu porti: a guerra
S'arma il destrier; guerra quel branco intima.
Ma son pur dessi usi talvolta al carro,
E al fren concorde e al comun giogo: Ah! puossi
Pace sperar. L'almo invochiam di Palla
Nume guerrier, che gaj n'accolse il primo;
E all'ara stiam col Frigio peplo in capo:
Nè il gran rito obbliam, ch'Eleno impose,
Splendid'ostie immolando a Giuno Argiva.

Senza indugiar, sciolti in lor serie i voti,
Voltiam le cime alle velate antenne;
E i Graj soggiorni, e il suol lasciam sospetto.
Già l'Erculeo (qual vuolsi) appar Tarento;
L'alta incontro miriam Lacinia Giuno,

Caulonisque arces, et navifragum Scylaceum.
Tum procul e fluctu Trinacria cernitur AEtna:
Et gemitum ingentem pelagi, pulsataque saxa
Audimus longe, fractasque ad littora voces;
Exsultantque vada, atque aestu miscentur arenae.
Et pater Anchises: Nimirum haec illa Charybdis:
Hos Helenus scopulos, haec saxa horrenda, canebat.
Eripite, o socii, pariterque insurgite remis. 560
Haud minus ac jussi faciunt, primusque rudentem
Contorsit laevas proram Palinurus ad undas;
Laevam cuncta cohors remis ventisque petivit.
Tollimur in caclum curvato gurgite, et idem
Subducta ad Manes imos desidimus unda.
Ter scopuli clamorem inter cava saxa dedere;
Ter spumam elisam et rorantia vidimus astra.

Interea fessos ventus cum sole reliquit;
Ignarique viae, Cyclopum allabimur oris.
Portus ab accessu ventorum immotus, et ingens 570
Ipse; sed horrificis juxta tonat Ætna ruinis,
Interdumque atram prorumpit ad aethera nubem,
Turbine fumantem. piceo, et candente favilla ;
Attollitque globos flammarum, et sidera lambit:
Interdum scopulos avulsaque viscera montis
Erigit eructans, liquefactaque saxa sub auras
Cum gemitu glomerat, fundoque exaestuat imo.
Fama est Enceladi semiustum fulmine corpus
Urgeri mole hac, ingentemque insuper Ætnam
Impositam ruptis flammam exspirare caminis; 580

L'ingordo Scillacéo, l'arduo Caulone.
Poi, d'alto ancor, l'Etna veggiam: di flutti
Da lunge udiam flebil muggito, e balze
Dal mar percosse, e infrante voci a i lidi;
Scrosciano i golli, alza il bollor le arene.
E Anchise: Oh dei! questa è Cariddi: ah! questi
Predisse il vate orridi scogli e guadi.
Fuggiam, compagni; ite a gran voga; arranca.
Son presti al cenno, e Palinuro il primo
La già stridula prora a manca torce;
E a remi e a vele ognun s'affretta a manca.
S’inarca il gorgo, e al ciel saliam: repente
S'adima in valli, e nabissiam nell'Orco.
Dier tre grand'urli i cavi massi; e rotta
Fe'the nubi la spuma, e gli astri asperse.

Col vento intanto il sol ci manca, e lassi
E ignari entriam dove i Ciclopi han regno.
Chiuso a'venti è quel porto, e il sen' n' è vasto;
Ma orribilmente Etna gli tuona accanto,
E invia talor piceo gran turbo all'etra
D'atro vapor, d'acri faville; e vivi
Ruota globi di fiamme, e il ciel ne lambe:
Scogli talor, viscere sue divelte,
Scaglia vomendo, e liquefatti ammassi
Volge a gran strido, arde dall'imo e bolle.
Fama e giacer mezzo dal fulmin arso
Sotto il gran monte Encelado, e i suoi fiati
Da' fessi Etnéi cammin scoppiar fiammanti;.

[ocr errors]

Et, fessum quoties mutet latus, intremere omnem
Murmure Trinacriam, et caelum subtexere fumo.

Noctem illam tecti silvis immania monstra
Perferimus; nec, quae sonitum det caussa, videmus:
Nam neque erant astrorum ignes, nec lucidus aethra
Siderea polus; obscuro sed nubila caelo;
Et lunam in nimbo nox intempesta tenebat.

Postera jamque dies primo surgebat Eoo,
Humentemque Aurora polo dimoverat' umbram;
Quum subitò e silvis, macie confecta suprema, 590
Ignoti nova forma viri, miserandaque cultu,
Procedit, supplexque manus' ad littora tendit.
Respicimus: dira illuvies, immissaque barba,
Consertum tegumen spinis; at cetera Graius,
Ut quondam patriis ad Trojam missus in armis.
Isque ubi: Dardanios habitus et Troïä vidit
Arma procul, paullum adspectu conterritus haesit,
Continuitque gradum; mox sese ad littora praeceps
Cum fletu precibusque tulit: Per sidera testor,
Per superos, atque hoc caeli spirabile lumen, 600
Tollite me, Teucri; quascumque abducite terras,
Hoc sat erit. Scio me Danais e classibus unum,
Et bello Iliacos fateor petisse Penales.
Pro quo, si sceleris tanta est 'injuria nostri,
Spargite me in flucius, vastoque immergite ponto.
Si pereo, hominum manibus perüsse juvabit.
Dixerat; et, genua amplexus, genibusque volutans,
Haerebat. Qui sit, fari, quo sanguine crètus,

[ocr errors][ocr errors]

E ove il fianco muto, Trinacria tutta
Ringhiar, tremar, l'etra annebbiar co’fumi.

Da selve ascosi, udiam la notte un tristo
Suon, qual di mostri; e non veggiam dond'esca.
Lume d'astri non v'è, dal torpid'etra
Chiaror non vien; ma il ciel di nubi è carco;
D'ombra cupa l'orror tien Cintia in nembo.

Novello il di sta al primo balzo, e scosse L'umid' ombre dal polo ha già l’Aurora; Quand'ecco un uom di stranie forme, ignoto, Tutto lacero e scarmo, uscir dal bosco, E ambe tender le man supplice al lido. Lo guatiam: rio sozzor, barba non colta, Manto a bronchi intrecciato; al resto è Greco, E un par di que'che fur’sott'Ilio in guerra. Come al primo appressar le vesti e l'armi Frigie miro, dubbia spaurito unquanco, E il piè rattien: quindi vien ratto al lido E. piange e priega: Ah! per le stelle, o Teucri, Pe’dei, per questo almo spirabil lume, Me voi togliete; ove a voi piaccia, io vengo; M'è assai partir. Dell'oste Greca un sono, Vostr’ Ilio m’ebbe oppugnator, nol niego. Perciò, se a tanto il fallo mio v'è grave, Sommergetemi in mar, fatemi in brani. S'or moro, almen per man dell'uom fia morto. Tacque, e si prostra, e le ginocchia abbraccia, S'avvolge'a i piè. Noi l'animiam che dica,

« PreviousContinue »